La Postura è lo specchio della nostra Salute

Metodologia generale per eseguire correttamente gli esercizi di stretching:

  • Prima di iniziare gli esercizi, sbadigliare 3 o 4 volte per mobilizzare l’articolazione temporo-mandibolare e per allungare la  muscolatura della masticazione; al termine, lasciare la bocca semichiusa, lasciando cadere la mandibola inerte, e senza, quindi, far toccare le arcate dentarie tra di loro, durante gli esercizi;
  • Durante gli  esercizi  mantenere una attività respiratoria (inspirazione ed espirazione) corretta e costante secondo le necessità del proprio organismo.

L’importanza del  controllo di una corretta respirazione, cioè di non trattenere mai il respiro durante il lavoro fisico, trova profonde radici nelle culture orientali che utilizzavano questa tecnica per allontanare l’ansia e lo stress e per ricercare il benessere psicofisico.
Antica cultura orientale:
“è colpa dell’ansia se non respiriamo bene” o  “ se non respiriamo bene generiamo ansia”

  • 6 -8 secondi per andare in allungamento (sempre lentamente);
  • 60 secondi (o il tempo che si ritiene opportuno senza mai avere dolore) di mantenimento della posizione di massimo allungamento;
  • 6 -8 secondi per tornare alla posizione di partenza (sempre lentamente);
  • Almeno da 6 a 12 ripetizioni per ogni esercizio;
  • Allenamento da eseguire non meno di 2 – 3 volte a settimana.

Alcuni esempi di posizioni posturali e di esercizi  stretching  per prevenire il mal di schiena e gli atteggiamenti  scorretti  della postura.
Stare comodamente seduti per terra, sul pavimento, sul tappeto di casa e, oppure, per i più fortunati, sull’erba dei prati. Si raccomanda di iniziare gli esercizi dopo qualche minuto di relax e intervallare gli esercizi con 6- 8 sec. di relax
    
Sdraiati a terra, supini, con le gambe piegate, porre le mani sotto i glutei per qualche minuto (da uno a 2 min.) poi metterle lungo i fianchi.  Si deve sentire bene la parte bassa della schiena toccare il pavimento altrimenti ripetere nuovamente l’esercizio ponendo le mani sotto i glutei per più tempo.


        
Sdraiati a terra,  supini, gambe piegate,  flettere la gamba al petto, mantenendo l’altra piegata a terra. Porre le mani con le dita intrecciate al di sotto del ginocchio e restare inerti  in questa  posizione  per 30 sec. Alternare le gambe e ripetere l’esercizio da  6 a 12 volte

 

P.S. I contenuti di questo sito hanno esclusiva finalità di informazione e in nessun caso possono sostituire una consulenza medica di un professionista qualificato.